Es Vedra

Es Vedra

L’isola magica

Es Vedra IbizaCon circa 380 metri di altezza, Es Vedra è un’isola rocciosa calcarea disabitata, si trova a due chilometri al largo della costa occidentale di Ibiza, di fronte alla spiaggia di Cala d’Hort nel comune di Sant Josep de Sa Talaia. L”unico modo per raggiungerla è tramite una barca o un gommone.



Dal 2002 fa parte della riserva naturale “Parc de Cala d´Hort” insieme agli isolotti di Es Vedranell e Es Illots de Ponent, qui vi abitano molte specie di uccelli marini e lucertole, tra cui la lucertola Pitiusa. Questa piccola isola molto amata dagli abitanti di Ibiza e dai turisti per le sue leggende, è visibile da molti punti della isla blanca e persino da Formentera e dalla penisola Iberica.

Il momento migliore per ammirare l’isola è sicuramente il tramonto, quando il cielo si colora di arancio e rosso fuoco creando cosi uno spettacolo unico. Il punto migliore dove scorgere un bellissimo panorama su quest’isola è la torre des Savinar o il mirador, che si affacciano proprio di fronte.

Miti, segreti e leggende

Da sempre circondata  da un alone di mistero e di leggende popolari e significato, si narra infatti che Es Vedra sia il terzo posto più magnetico del pianeta, dopo il polo nord e il Triangolo delle Bermuda. Alcuni geologi sostengono che sia soltanto una leggenda, ma non si può negare che molti strumenti di navigazione tendono ad andare in tilt in prossimità di quest’isolotto, ed è quasi impossibile utilizzare una bussola. Pare che anche i piccioni viaggiatori si confondono mentre sorvolano l’isola e che spesso perdano completamente il senso dell’orientamento.

Molti miti raccontano che l’isola di Es Vedra fu la casa delle sirene e della ninfa che cercarono di tendere in inganno Ulisse durante il suo viaggio nell’Odissea di Omero.

C’è chi pensa che una parte dell’isola sia stata utilizzata per costruire le piramidi in Egitto, proprio per la sua roccia calcarea in grado di trattenere una concentrazione massima di energia, simile a quella delle piramidi, Stonehenge e Isola di Pasqua ed è per questo che molte persone consapevoli di una forza misteriosa che circonda l’area, ne fanno il luogo preferito per la meditazione e altre pratiche spirituali.

Una delle legende piu famose, è quella che Es Vedra sia la punta della civiltà sommersa di Atlantide. La grotta naturale di Atlantis, si trova nella baia di fronte all’isolotto, e può essere visitato da visitatori più allenati. La sua posizione esatta è uno dei  segreti di Ibiza e per raggiungere Atlantis bisogna affrontare un sentiero abbastanza impegnativo, adatto a tutti gli amanti del trekking. Non ci sono cartelli e mappe che indicano la posizione di Atlantis, ma quelli che riusciranno ad arrivarci saranno premiati dal suo ambiente tranquillo e spiritualmente stimolante. Qui è possibile  vedere sculture e opere d’ arte lasciate dai visitatori e dagli hippy negli anni ’70, compresa l’immagine del dio Shiva proclamato protettore della grotta.

Molte persone affermano di aver visto alcuni UFO sopra Es Vedra, e alcuni ritengono addirittura che ci sia una base segreta aliena sotto il mare, questa isola rocciosa sarebbe quindi un faro di navigazione extraterrestre. Molti oggetti non identificati sono stati segnalati nelle acque circostanti, come misteriosi cerchi di luce che emergono dal mare, infatti i pescatori locali e numerosi capitani cercano di evitare la zona.

Dove vedere Es Vedrà e come arrivare al Mirador

Il primo punto per vedere Es Vedrà è Playa di Cala d´Hort poiché l’isolotto si trova proprio di fronte a questa spiaggia dove è possibile anche noleggiare piccoli gommoni per avvicinarsi allo “scoglio magico”.

Per i più sportivi e gli amanti delle escursioni tra la nuatura consigliamo di raggiungere la Torre de Es Savinar che offre una magnifica e rilassante vista. La torre è raggiungibile attraverso un sentiero in salita che richiede circa 20 minuti, ma i panorami, la natura e il silenzio infranto dalle onde del mare non vi deluderanno, inoltre da qui godrete di tramonti spettacolari.

Il punto preferito dai visitatori è sicuramente il Mirador, un’ampia formazione rocciosa a strapiombo sul mare, situato ad un’altitudine inferiore rispetto alla Torre di Es Savinar e di più facile accesso. Questo punto rimane un po piu affollato ed è facile trovare matrimoni di coppie che decidono di unirsi dinanzi all’imponente Es Vedra. Questa terrazza naturale rimane a metà del sentiero che porta alla Torre de Es Savinar.

La torre e il mirador si possono raggiungere dalla strada che collega Sant Josep a Es Cubells proseguendo poi per Cala d´Hort. Poco prima di scendere per il pendio che porta alla spiaggia, dovrete seguire le indicazioni sul cartello fucsia che indica l’accesso alla torre di guardia o alla Torre des Savinar, imboccare quindi la strada sterrata fino ad arrivare al parcheggio. In circa 5 minuti seguendo il percorso, raggiungerete la scogliera di fronte ad Es Vedrà; da qui potrete proseguire con la scalata verso la Torre. Dal Parcheggio è anche possibile percorrere un secondo sentiero che vi porterà direttamente ad Atlantis, questo percorso molto ripido è sconsigliato alle persone fuori allenamento.

È possibile visitare Es Vedrà?

Es Vedra al tramonto
Facendo parte di un parco naturale protetto, è assolutamente vietato visitare Es Vedrà. Per poter visitare questo isolotto è necessario disporre di un permesso speciale che viene rilasciato solo per visite giustificate.

Per chi desiderasse visitarla da un po più vicino, segnaliamo la presenza di alcune escursioni  in barca che vi permetteranno di circumnavigare il perimetro di questo isolotto, in alternativa potrete noleggiare un piccolo gommone direttamente a Cala D’Hort. Quest’ultima opzione è molto costosa dato che noleggiare un piccolo natante richiede circa 100 euro l’ora.

 







Ti è stata utile questa guida?

La tua valutazione è molto importante, ci aiuterai a migliorare i nostri articoli.

Es Vedra, Valutazione media 4.33 / 5 su 15 voti